Cucina e tradizione italiana: i quaresimali

Amati da grandi e piccini, che spesso si divertono a giocare con questi curiosi biscotti a forma di letterai quaresimali vengono realizzati nel periodo della Quaresima,soprattutto nell’area fiorentina e di Prato.

Ingredienti

  • 3 albumi montati a neve
  • 150 gr di farina
  • 30 gr di cacao
  • 170 gr di zucchero a velo
  • 1 Scorza d’arancia
  • Sale Q.B.

 

Preparazione

Mischiate la farina, il cacao, lo zucchero e un pizzico di sale.

Grattugiate nel composto ottenuto la scorza d’arancia.

Unite poi i tre albumi montati a neve, continuando a mescolare il tutto.

Qualora l’impasto risultasse troppo liquido, si consiglia di aggiungere altra farina, oppure un altro albume, se eccessivamente duro.

I più esperti a questo punto potranno utilizzare la sac à poche per creare le lettere, da disporre su una teglia ricoperta di carta forno.

Fate cuocere in forno caldo a 150°C per circa 15 minuti.

Se volete saperne di più sulla cucina italiana o vorreste frequentare un corso per approfondire le conoscenze con un vero chef, date un’occhiata ai nostri corsi di cucina italiana!

Cucina italiana: La Ribollita

Un piatto invernale originario della Toscana, per questo ultimo mese di freddo! Ecco qui la ricetta:

INGREDIENTI:

  • 1 cavolo nero
  • 1/2 cavolo verza
  • 2 patate
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 10 pomodorini
  • 2 zucchine
  • 1 costa di sedano più le foglie
  • 400 grammi di fagioli cannellini
  • 1 barattolo di passata di pomodoro
  • Olio extra vergine di oliva
  • Pane toscano raffermo

PREPARAZIONE

Lasciate a mollo i fagioli per una notte, quindi cuoceteli in una pentola di terracotta in acqua bollente.

In una padella molto grande fate soffriggere con olio extra vergine di oliva la cipolla tagliata a rondelle; aggiungete la carota tagliata a dadini e il sedano a tocchetti, quindi lasciateli imbiondire nell’olio.

Dopo 5 minuti aggiungete i pomodori fatti a spicchi, condite il tutto con sale e pepe e lasciate cuocere a fuoco vivace nella padella con coperchio per una decina di minuti.

Abbassate quindi la fiamma e aggiungete le patate a dadini; dopo altri 10 minuti aggiungete il cavolo verza e il cavolo nero spezzettati.

Per ammorbidire il tutto potete usare l’acqua di cottura che state utilizzando per i fagioli.
Aggiungete adesso metà dei fagioli nella padella e, dopo un po’, anche le zucchine a pezzetti.

Passate l’altra metà dei fagioli per ottenere un purè e aggiungeteci la passata di pomodoro, quindi lasciate che il composto si asciughi un po’ e, infine, unitelo alle verdure che avete cotto in padella.

A parte, nel frattempo, tagliate il pane raffermo a pezzettoni e fatelo arrostire in forno a 180° per 3 o 4 minuti.

Prendete un tegame di terra cotta e disponete i dadini di pane croccanti sul fondo.

Versateci sopra la verdura con il brodo e poi mettete un altro strato di crostini, aggiungete ancora verdura e brodo e condite con un filo d’olio extra vergine di oliva.

Servite la Ribollita toscana molto, molto calda!

Se volete saperne di più sulla cucina italiana o vorreste frequentare un corso per approfondire le conoscenze con un vero chef, date un’occhiata ai nostri corsi di cucina italiana!

Cucina Italiana: La Colomba di Pasqua

La Colomba di Pasqua è un dolce di origine italiana, servita tradizionalmente a Pasqua. Ecco qui la ricetta!

INGREDIENTI:
500 g di farina
160 g di burro
130 g di zucchero
50 g di lievito di birra
3 uova
150 g di canditi misti (uvetta, cedro e arancia a cubetti)
mandorle dolci q.b.
granella di zucchero q.b.
5 g di sale

PREPARAZIONE:
Sciogliere il lievito con poca acqua tiepida, impastare con questo metà della farina; porre a lievitare in luogo caldo la pasta così ottenuta dentro una scodella infarinata.
Quando la pasta avrà raddoppiato il proprio volume, metterla in un recipiente più grande ed unire il resto della farina, le uova sbattute, il burro fatto sciogliere, lo zucchero ed il sale.

Lavorare con cura la pasta finché non si stacchi da sola dalle pareti del recipiente, coprire con un tovagliolo e far lievitare per un’ora circa.

Unire alla pasta l’uvetta ed i canditi, precedentemente infarinati e setacciati, porre l’impasto in uno stampo a forma di colomba e decorare con le mandorle, quindi spennellare con uovo sbattuto e cospargere di granella di zucchero.

Cuocere a forno medio per 20-25 minuti.

Se volete imparare questa e molte altre ricette tipiche della nostra cucina, l’Istituto Galilei offre corsi di cucina italiana a Firenze, durante tutto l’anno!

Cucina Italiana: Bucatini all’Amatriciana

cucina italiana, ricette italiane, ricetta pasta amatriciana, corsi cucina italia, corsi cucina italiana, cucina italiana, corsi di cucina a firenze
guanciale di maiale

L’amatriciana o matriciana è piatto tipico della tradizione italiana, conosciuto e apprezzato in ogni regione. Il nome deriva da Amatrice, cittadina in provincia di Rieti. Gli ingredienti principali sono guanciale, formaggio pecorino (romano) e pomodoro.

Nell’Ottocento e sino all’inizio del Novecento la popolarità della pietanza a Roma si accrebbe considerevolmente. Questo avvenne a causa degli stretti contatti tra Roma ed Amatrice. Molti osti e ristoratori della città erano originari di Amatrice, così che il termine “Matriciano” venne a significare “locanda con cucina”.

cucina italiana, ricette italiane, ricetta pasta amatriciana, corsi cucina italia, corsi cucina italiana, cucina italiana, corsi di cucina a firenze
bucatini

La pasta all’Amatriciana fu molto bene accolta e venne rapidamente considerata un classico della cucina romana.

Ma veniamo alla ricetta!

Anche se è possibile utilizzare qualsiasi tipo di pasta, la tradizione vuole che si usino i bucatini (dei grandi spaghetti, forati al centro).

Ti servono:

  • 400 g di bucatini (oppure spaghetti o spaghettoni)
  •  300 g di pomodori pelati (in stagione 4-5 pomodori rossi maturi
  •  150 g di guanciale stagionato a fette spesse
  • 60-70 g circa di pecorino (delicato e non troppo salato) grattugiato
  •  1 peperoncino
  •  1/2 bicchiere di vino bianco secco e acidulo
  •  olio extravergine di oliva
  •  sale e pepe

Porta ad ebollizione l’acqua per la cottura della pasta. Nel frattempo, taglia a dadini il guanciale eliminando le parti dure (cotenna) e metti sul fuoco una padella antiaderente e quando sarà ben calda unisci il guanciale e fallo rosolare a fuoco basso, con un filo d’olio.

Aggiungi i pomodori scottati, sbucciati e spezzettati e falli cuocere a fuoco vivo per una decina di minuti; regola di sale, pepe e togli dal fuoco. Appena l’acqua per la pasta bolle, aggiungi il sale e i bucatini fino a farli cuocere. Scolali al dente, condisci con il sugo preparato, cospargi con il pecorino e mescola il tutto.

cucina italiana, ricette italiane, ricetta pasta amatriciana, corsi cucina italia, corsi cucina italiana, cucina italiana, corsi di cucina a firenze
bucatini all’amatriciana

Per apprezzare al meglio il piatto, metti i bucatini all’Amatriciana nei piatti e aggiungi altro pecorino grattugiato prima di servire.

Godetevi questa deliziosa ricetta in compagnia, accompagnata da un buon calice di vino italiano! Buon appetito!!

Se volete imparare questa e molte altre ricette tipiche della nostra cucina, l’Istituto Galilei offre corsi di cucina italiana a Firenze, durante tutto l’anno!