Blog

image5
Le origini di Arlecchino

  Probabilmente avrai già sentito questo nome da qualche parte: a scuola durante le tue lezioni di letteratura, oppure quando non sapevi da cosa travestirti per carnevale.

Ma sai chi è Arlecchino? È un personaggio della Commedia dell’arte apparso per la prima volta nel XVI secolo in Italia. Viene dalla città di Bergamo ed è stato creato dall’attore italiano Domenico Biancolelli.

  L’origine del suo nome è oggetto di dibattito, la più probabile è che sia legato a Hellequin (un diavoletto malevolo delle leggende medievali francesi). Un’altra teoria spiega che questo nome deriva da un giovane attore italiano chiamato Harlecchino dai suoi amici perché era vicino al presidente di Harlay. Le teorie sull’origine del suo nome sono numerose, ma la prima che abbiamo menzionato è la più probabile.

 

Il personaggio di Arlecchino

 Arlecchino è un personaggio con molte sfaccettature: è fondamentalmente un cameriere ignorante, credulone, giocoso, pigro e semplice. Nei tanti spettacoli in cui è presente, diventa spesso malizioso nelle sue macchinazioni per raggiungere i suoi fini (come trovare cibo perché ha sempre fame, dormire, ecc.). Viene spesso raffigurato con una bottiglia in mano per mostrare agli spettatori che non dovrebbe essere preso sul serio.

 Al di là del suo lato comico, Arlecchino rappresenta l’umanizzazione delle relazioni ricchi-poveri. Era usato per far accettare l’ingiustizia ed il divario sociale tra padroni e schiavi.

Il costume di Arlecchino

  Potremmo dire che i diversi rombi colorati del suo costume rappresentano le mille sfaccettature di Arlecchino, ma non bisogna dimenticare che in fondo Arlecchino è un uomo di basse classe sociale. C’è quindi la teoria che il costume sarebbe stato ispirato da un povero ragazzo di nome Arlecchino che non aveva un costume per il Carnevale ed i suoi compagni, avendo avuto pietà, gli dettero ciascuno un pezzo del loro costume, creando così questo costume atipico. Questo costume rappresenta quindi a pieno il personaggio di Arlecchino.

Il costume è completato da una maschera nera, un cappello di feltro grigio e la mazza bianca, che funge da arma nella sua cintura.

 Se questo articolo ti è piaciuto, puoi dare un’occhiata al nostro articolo sul Carnevale di Venezia, dove il costume da Arlecchino è d’obbligo!

Se desideri conoscere maggiori curiosità sulle tradizioni della cultura italiana, visita la seguente pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *